Cibo: amico o nemico? | Approfondimenti | Farmacia Stefini
pagina Facebook Stefini Twitter Stefini

Cibo: amico o nemico?

PUBBLICATO IL 18 febbraio 2016

Mai come negli ultimi anni l'alimentazione ha assunto un'importanza centrale nella vita di ciascuno; questo grazie all'acquisizione della consapevolezza che il cibo non è il mezzo per 'saziarci' banalmente, è la benzina delle nostre cellule e dei nostri organi, fa di noi ciò che siamo e saremo. Da qui nasce l'attenzione sempre crescente alla qualità di quello che mangiamo e la ricerca di alimenti che possono farci stare meglio.

A questo proposito merita un approfondimento lo spinoso argomento delle intolleranze alimentari.
Innanzitutto chiariamo le differenze tra allergie e intolleranze: l'allergia è una reazione del sistema immunitario, definita IgE-mediata, che rimane immutata per tutto il corso della nostra vita; l'intolleranza invece è una reazione infiammatoria causata dal cibo, legata ad una dieta poco variata che tende a privilegiare alcuni alimenti.
Le ricerche scientifiche degli ultimi anni hanno permesso di superare la visione di 'cibo nemico' spesso associata al concetto di intolleranza e di riconoscere segnali di un possibile sovraccarico temporaneo nell'assunzione di un determinato alimento. Non esiste quindi un cibo 'cattivo' in assoluto, è solo il suo scorretto utilizzo che lo rende 'attivatore di disturbo'.

I sintomi dell'infiammazione da cibo e quindi delle intolleranze, sono diversi come gonfiore addominale, stanchezza immotivata, difficoltà al dimagrimento, problemi dermatologici e molti altri.

I test disponibili per le intolleranze sono diversi, tra i più diffusi e sicuramente più attendibili a nostro avviso, ci sono quelli eseguiti su campione di sangue capillare come il Recaller Test, che analizza le citochine infiammatorie (BAFF e PAF) che determinano il livello di infiammazione da cibo e le immunoglobuline G alla base dello sviluppo della tolleranza.
A differenza delle allergie, l'intolleranza si può superare con una dieta che prevede la sospensione temporanea dell'alimento per poi reintrodurlo a piccole dosi, fino al recupero della tolleranza.

Pensi di avere dei sintomi riconducibili alle intolleranze?
Hai già provato a fare una dieta ma non è servita?
Hai la possibilità di prenotare un colloquio gratuito con la nostra nutrizionista specializzata Recaller Test, per il giorno 25 Febbraio.
Contattaci per fissare un'appuntamento
Tel. 0332 947024, email info@farmaciastefini.it





Articoli Recenti


Inquinamento, quanti danni alla pelle!!


I benefici e le proprietà della curcuma


Ayurveda e mal di schiena



Categorie


Archivio Approfondimenti

2017

2016

2015

Tag

INDIRIZZI
E RECAPITI
ORARI
NOLEGGIO
ATTREZZATURE
FAQ