pagina Facebook Stefini Twitter Stefini

Invecchiare in salute

PUBBLICATO IL 21 aprile 2016

Invecchiare bene è un obiettivo cui tutti noi tendiamo e cosa fondamentale è cercare di conservare al meglio il nostro apparato muscolo-scheletrico, per limitare l'osteoporosi e i danni spesso correlati, come ad esempio l'artrosi.

Cos'è l'osteoporosi?

Spesso viene considerata una logica conseguenza dell'invecchiamento nella donna dopo la menopausa, mentre diverse sono le cause che ne danno origine, ad esempio l'uso prolungato di alcuni farmaci come il cortisone, oltre chiaramente al patrimonio genetico.

In realtà è una vera malattia che è determinata da una riduzione della massa ossea, spesso responsabile di un'aumentata predisposizione alle fratture.

Cosa fare

Molto si può fare, come una corretta alimentazione e il miglioramento dello stile di vita. Come prima cosa bisogna sfatare il mito di latte e latticini, una dieta ricca di proteine animali fa si che il nostro organismo si venga a trovare in uno stato di acidosi, di infiammazione. Per opporsi a tutto ciò, il tessuto osseo rilascia calcio (ossalati di calcio, basici), facilitando così la demineralizzazione ossea.
Sicuramente alcool, fumo, caffè non aiutano a mantenere in buono stato il nostro scheletro.

Fondamentale è un'alimentazione equilibrata dove ci sia 'di tutto un po'', dando prevalenza a frutta e verdura senza dimenticare la frutta secca come le mandorle naturalmente ricche di calcio, e i semi oleosi.
Altra cosa scientificamente provata è l'importanza dell'attività fisica: un moderato esercizio fisico, anche una passeggiata di un'ora a giorni alterni o di mezz'ora tutti i giorni, fa si che la massa muscolare stimoli l'attività degli osteoblasti, cioè delle cellule preposte a produrre il tessuto osseo.

Nella terapia contro l'osteoporosi riveste un ruolo fondamentale il sole. La nostra pelle sintetizza Vitamina D quando ci esponiamo ai raggi solari, la quale è molto importante per garantire l'assorbimento del Calcio a livello intestinale. Quindi una bella passaggiata al sole non è solamente piacevole, ma permette di mantenere in buono stato le nostre ossa.
La Vitamina D la possiamo quindi sintetizzare, ma anche trovare in alcuni alimenti come il pesce, le uova e le verdure a foglia verde.

Noi siamo certamente più fortunati dei nostri nonni, perchè le tecnologie e la scienza ci vengono in aiuto.
Oggi con un semplice esame come la MOC (mineralometria ossea computerizzata) siamo in grado di misurare la densità ossea e il conseguente livello di osteoporosi, dando al medico la possibilità di scegliere il farmaco più opportuno e la durata del trattamento.
Per invecchiare bene dobbiamo agire oggi, quando ancora stiamo bene.

Artrite e artrosi

Spesso ossa, articolazioni e cartilagini sono coinvolti in particolari processi patologici, quali l'artrosi, che porta a dolori di tipo reumatico, causati dall'usura e/o dall'invecchiamento delle cartilagini. L'artrosi può coinvolgere sia l'anziano che le persone più giovani e si può manifestare con dolori intensi o lievi.

L'artrite, invece, rappresenta un evento acuto, a volte legato ad un trauma oppure può insorgere su una patologia di tipo artrosico già esistente (fase artritica dell'articolazione).

E' quindi fondamentale una diagnosi medica per valutare la base della patologia artro-reumatica, in modo da identificare la possibile causa: invecchiamento, cause metaboliche (gotta, osteoporosi), cause infettive, cause immunologiche (artrite reumatoide),...

Il nostro consiglio

La medicina naturale offre delle soluzioni alternative utili, in alcuni casi, per riuscire a ridurre i dosaggi dei farmaci antiinfiammatori.
PROFLEX

Un integratore utile è PROFLEX, il quale contiene la curcuma, ottimo antiossidante naturale, utile nelle patologie croniche di tipo infiammatorio, in quanto blocca la cascata dell'infiammazione migliorando in questo modo la sensazione di indolenzimento e mantenendo in buono stato l'articolazione.
Attenzione: la curcuma è molto instabile e questo ha limitato molto il suo utile utilizzo. La curcuma presente in Proflex ha un'ottima stabilità ed assorbimento orale, in quanto racchiusa e protetta da un complesso fosfolipidico che ne evita la degradazione a livello intestinale.

A chi lo consigliamo?
- A chi pratica sport e sovraccarica le articolazioni;
- A chi desidera mantenere elastiche e in buono stato le articolazioni.

 


 




TAG:



Articoli Recenti


Ayurveda e mal di schiena


Nuovo trattamento antietà per i tuoi capelli


Cambio di stagione: un aiuto per sostenere il nostro organismo



Categorie


Archivio Approfondimenti

2017

2016

2015

Tag

INDIRIZZI
E RECAPITI
ORARI
NOLEGGIO
ATTREZZATURE
FAQ