Cos'è il Papilloma virus? | Eventi e Promozioni | Farmacia Stefini
pagina Facebook Stefini Twitter Stefini

Cos'è il Papilloma virus?

Il 18 gennaio 2018

Il Papillova virus umano (HPV) è una delle malattie sessualmente trasmissibili più diffuse sia nell’uomo che nella donna.
Anzitutto è bene chiarire che non esiste un unico tipo di HPV, infatti esiste un’ampia variabilità genetica con circa 150 sierotipi differenti, caratterizzati da diversi gradi di malignità. Alcuni virus come HPV 6 e HPV 11 sono responsabili di lesioni benigne della pelle e delle mucose, come verruche e condilomi, altri ceppi virali come HPV 16 e HPV 18 hanno invece un potenziale oncogeno, cioè producono lesioni che possono evolvere in tumore. In particolare il papilloma virus rappresenta il principale fattore di rischio per il tumore della cervice uterina.

Ma occorre fare chiarezza: questo tumore viene diagnosticato ogni anno in circa 3500 donne italiane ma fortunatamente soltanto una piccola parte delle donne venute a contatto con l’HPV avrà problemi di questo tipo. Questo perché nel 70-90% dei casi il nostro sistema immunitario è in grado di eliminare da solo l’infezione da papilloma senza causare danni. Inoltre, qualora il virus sopravviva all’attacco immunitario, il tumore della cervice uterina si sviluppa molto lentamente ed è preceduto da alterazioni precancerose chiamate displasie.
E’ bene sapere che i ceppi più pericolosi producono un’infezione subdola perché non si manifesta in modo evidente, causando modificazioni asintomatiche a carico delle mucose genitali: è proprio l’assenza di sintomi a favorirne la diffusione ma esistono ad ogni modo segnali che possono mettere in allerta, come sanguinamento inconsueto, soprattutto dopo il rapporto sessuale, dolore nella parte bassa della schiena, alla minzione o durante i rapporti. In presenza di questi sintomi è consigliabile consultare il medico.

Nelle donne un utilissimo strumento di screening è il pap-test, esame che rientra oggi nel programma di prevenzione del tumore alla cervice uterina e che permette di escludere la presenza di cellule maligne, a questo si possono integrare colposcopia e il recente HPV-test che permette, attraverso un’indagine molecolare mirata, di identificare le infezioni da HPV.

Per gli adolescenti di entrambi i sessi è possibile sottoporsi alla vaccinazione profilattica che però non può prevenire patologie diverse dagli specifici HPV contro i quali esercita la propria azione.
Esistono due tipi di vaccini:

BIVALENTE contro i sierotipi 16 e 18 che portano a lesioni pretumorali;
QUADRIVALENTE che protegge anche dai sierotipi 6 e 11 che causano maggiormente condilomi.

Prima di salutarci vi lasciamo con un suggerimento prezioso: ormai è risaputo quanto l’alimentazione influisca sul nostro stato di benessere, ebbene da recenti studi gli oncologi hanno potuto concludere che la guarigione spontanea dall’HPV è presente soprattutto nelle donne che fanno uso di frutta e verdura cruda e assumono buone quantità di vitamina C, di luteina e zeaxantina, sostanze antiossidanti utilissime anche nella prevenzione di altre malattie. A queste si aggiungono acido folico, riboflavina, tiamina e vitamina B12, tutte sostanze normalmente assunte con un’alimentazione sana ed equilibrata, motivo in più per dare la giusta attenzione alla composizione della nostra dieta.



Articoli Recenti


Check-up gartuito della pelle con Caudalie


Appuntamento gratuito con la nutrizionista


Giornata di raccolta del farmaco



Archivio Eventi e Promozioni

2017

2016


Calendario Eventi e Promozioni


 
  Evento
 
  Promozione


INDIRIZZI
E RECAPITI
ORARI
NOLEGGIO
ATTREZZATURE
FAQ